Jazz Agenda

Il Genio di Eddie Lang: parte il concorso riservato a giovani chitarristi e jazz band

  • Pubblicato in Pagina News

Largo alle nuove leve del jazz italiano. Questa la mission del concorso internazionale ‘Il Genio di Eddie Lang’, rivolto a giovani chitarristi e jazz band under 35 che quest’anno, giunto alla sua XIII° Edizione, si svolgerà in parallelo all’Eddie Lang Jazz Festival di Monteroduni. Il contest è organizzato dall’associazione culturale Eddie Lang Music Aps nata nel 2021 con lo scopo primario di curare l'organizzazione dell'Eddie Lang Jazz Festival.  Le iscrizioni sono aperte fino al 30 giugno con l’evento clou che si svolgerà nella giornata del 1° agosto quando i musicisti in gara potranno esibirsi durante le finali del contest. L’obiettivo del concorso è quello di mettere in luce le potenzialità e il talento dei partecipanti offrendo loro la possibilità di esibirsi all’interno del Festival. Oltre a questa opportunità i vincitori riceveranno un premio in denaro e la possibilità di suonare anche nel corso dell’edizione successiva che si terrà nel 2025. Lo scorso anno, invece, le band e i musicisti che hanno trionfato, ovvero il chitarrista Edoardo Cimino, Ross Quintet e Saìhs, hanno potuto registrare il loro disco presso gli studi TotoSound e Gold Pressvure di Roma. Non è un caso infatti che nel corso di queste tredici edizioni sono stati diversi gli artisti che sono usciti allo scoperto grazie a questa partecipazione affermandosi in seguito nel panorama jazzistico italiano.

Per l’iscrizione al concorso basta seguire questo link

https://www.eddielang.it/concorso-il-genio-di-eddie-lang.html

Il festival comincerà il 26 e 27 luglio con i concerti sul palco principale mentre dal 29 al 31 luglio si terrà il campus Eddie Lang Junior Fest, incentrato sulla storia del jazz e sulla figura di Eddie Lang. Un’iniziativa organizzata in collaborazione con la scuola di musica di Monteroduni dell'associazione Giuseppe De Giacomo, con la partecipazione dei maestri Vincenzo Quirico, Basilio Roselli, Marco e Paolo Zampogna, Rosaria Massaro e Nicola Hansalik Samale. Fondamentale anche il convegno del 1° agosto incentrato sulla figura di Adriano Mazzoletti mentre le due giornate conclusive che si terranno il 2 e 3 agosto con gli artisti principali sul palco.

Il collettivo che coordina il Festival è guidato dal Maestro Marco ZampognaPresidente e Direttore artistico che spiega: “Il concorso è ormai un vero e proprio punto di riferimento per giovani talenti che grazie a esso hanno la possibilità di esibirsi sul palco principale del festival. Quest’anno, dopo il grande successo della precedente edizione, siamo contenti di riaprire questa possibilità sia ai giovani chitarristi che alle jazz band. Inoltre siamo felici che i due weekend del festival saranno ricchi di attività come il Campus dedicato alla scuola di musica di Monteroduni in collaborazione con l’Aps Giuseppe de Giacomo. Ci tengo anche a sottolineare l’importanza del convegno dedicato alla figura di Adriano Mazzoletti con vari ospiti internazionali che si terrà poco prima della finale del concorso”.

1° Agosto

finali concorso "Il Genio di Eddie Lang"

Castello Pignatelli

Monteroduni (IS)

 

@ EDDIE LANG MUSIC APS è un’associazione iscritta al 5xmille - C.F. 00986690949

Leggi tutto...

Ray Gelato protagonista all’Eddie Lang Jazz Festival: l’intervista a una leggenda dello swing

Dal 27 al 30 luglio nella splendida cornice dei Giardini Castello Pignatelli a Monteroduni in provincia di Isernia, si terrà l’Eddie Lang Jazz Festival con quattro grandi appuntamenti. Nella giornata del 29 luglio sul palcoscenico si esibirà Ray Gelato & the Giants, una leggenda della musica jazz e swing che porterà in scena uno spettacolo ricco di energia. Ne parla a Jazz Agenda Ray Gelato in persona con un approfondimento sulla scena musicale attuale

Iniziamo l'intervista parlando del concerto stesso. Vuoi dire ai nostri lettori quale spettacolo presenterai all'Eddie Lang Jazz Festival?

Sarà uno spettacolo simile a quello che abbiamo fatto a Umbria Jazz la scorsa settimana. Un mix dei miei brani originali, alcuni classici e alcune delle nostre canzoni italiane preferite.

In Italia, e parlo soprattutto di Roma, la città dove sono nato, c'è una scena molto vivace legata allo swing. in generale cosa pensi della scena musicale italiana?

Sono felice di vedere una scena Swing così vibrante a Roma. Ci sono alcuni grandi musicisti e ballerini. Non so molto però della scena musicale italiana in generale.

Invece a livello internazionale che aria si respira in questo periodo? Dopo il brutto periodo che abbiamo vissuto è tornato tutto alla normalità?

Penso che le cose stiano tornando alla normalità ma viaggiare è ancora difficile per i musicisti con cancellazioni ecc. per quanto riguarda le compagnie aeree. È anche più costoso fare un tour. Tuttavia, le persone sono ancora più entusiaste dopo la pandemia.

C'è un aspetto molto importante della musica, che è quello della condivisione, che non significa necessariamente fare ciò che il pubblico si aspetta per accontentarlo. Si è forse perso questo aspetto in questo periodo?

No, non credo, perché spetta al singolo artista decidere come presentare il proprio spettacolo.

Molte persone trascurano una caratteristica importante, secondo me, della musica swing, che è il ballo. Quanto pensi sia importante questo aspetto?

È una parte importante ma non essenziale per una band come la mia perché suoniamo per la gente così puoi ascoltare o ballare. La mia band è più di una semplice band da ballo swing. Ci sono altre band specializzate nel suonare solo per i ballerini swing.

Jazz, swing e la nuova generazione. Pro, contro o addirittura caratteristiche delle nuove generazioni...

Sono solo molto felice che giovani musicisti abbiano deciso di portare avanti la tradizione della musica swing.

In generale, pensi che le nuove generazioni stiano perdendo il gusto di intrattenere il pubblico o di fare musica per un senso di condivisione?

Sì, lo so. Penso che l'arte di comunicare e intrattenere il pubblico si stia perdendo. Molti musicisti, e molti dei nuovi musicisti jazz, non considerano l'intrattenimento come parte di ciò che fanno. Ecco perché il jazz ora fa fatica a raggiungere un pubblico. Ho imparato guardando i migliori, gente come Sinatra, Cab Calloway, Sam Butera, Dizzy Gillespie, Lionel Hampton ecc. Questi artisti avevano un modo vecchio stile di presentare la loro musica ed è quello che cerchiamo di fare.

Chiudiamo con una domanda forse banale: dopo tanto tempo passato a suonare sui palchi di tutto il mondo cosa ti affascina dello swing e cosa ti motiva a continuare su questa strada?

Beh, mi piace il fatto che la musica swing comunichi con la gente. Non è elitario e devi essere un buon musicista per suonarlo bene. È impegnativo ed è per questo che mi piace.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS