Jazz Agenda

Rossana Casale e Beppe Servillo in concerto a Bagnaia il 10 e l’11 settembre

Dopo il successo dei concerti in piazza castello, oltre 800 spettatori, il Tuscia in jazz si sposta a Piazza XX settembre, sempre a Bagnaia, per i due grandi eventi che chiuderanno la stagione estiva del festival jazz. Il vincitore di san remo con gli Avion travel Peppe Servillo e la voce incantata di Rossana Casalechiuderanno questa stagione ricca di successi del Tuscia in Jazz.Rossana Casale con il suo progetto dedicato al Teatro Canzone del “Signor G” e alla sua visione controversa dell’amore, della coppia e del matrimonio si esibirà a ingresso libero il 10 settembre a Piazza XX settembre, nel primo dei due concerti previsti nella piazza, alle ore 21.30 a Bagnaia Viterbo nell’ambito del Tuscia in Jazz Festival 2014. Ad affiancare Rossana sul palco il pianista Emiliano Begni, il sassofonista Francesco Consaga ed Ermanno Dodaro al contrabbasso, musicisti che si muovono tra jazz, musical e canzone d’autore, contribuendo allo straordinario successo del tributo gaberiano in tutta Italia. Il progetto musicale della Casale “Il signor G e l’amore” sarà il primo dei due concerti, dopo i tre realizzati nella Piazza Castello all’interno del borgo di Bagnaia, che il festival realizzerà nella piazza centrale dell’ex municipio viterbese. L’11 settembre infatti nella stessa location salirà sul palco, sempre ad ingresso libero, un altro big della musica italiana Peppe Servillo in compagnia di Javier Girotto e Natalio Mangalavite. Tornando a Gaber e al concerto di mercoledì 10 settembre ai monologhi e alle canzoni che trattano specificatamente il tema dell’amore, “Il desiderio”, “Quando sarò capace di amare”, “Ora che non sono più innamorato” si alternano pezzi più leggeri e divertenti, fra cui “Il corpo stupido”, “Torpedo blù”. Ne “Il Signor G e l’amore” Rossana Casale rivisita Gaber in chiave jazz attraverso i testi che dipingono il rapporto tra innamorati come intenso ed effimero, desiderio di armonia e insieme di sfida continua. Quel “dilemma” che il cantautore milanese, scomparso undici anni fa, descriveva così: “L’amore sarà sempre qualcosa che vola, una farfalla che ti si posa un attimo sulla testa e ti rende tanto più ridicolo quanto maggiore è la sua bellezza”. Uno spettacolo imperdibile di grande poesia ed intensità che il Tuscia in jazz ha potuto offrire gratuitamente grazie alla collaborazione con la Provincia e il Comune di Viterbo, che insieme alle associazioni del luogo hanno sposato il progetto del festival jazz che da anni realizza grandi appuntamenti musicali a Bagnaia.

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto