Jazz Agenda

Jazz Festival: Remo Anzovino a Terni per Visioninmusica

Visioninmusica presenta venerdì 11 marzo all’Auditorium Gazzoli di Terni, Remo Anzovino che proporrà dal vivo il suo ultimo album Igloo, racconti in musica senza parola. La musica di Remo Anzovino è affascinante ed evocativa come assai di rado capita di ascoltare, tanto da conquistare senza riserva una platea esigente come quella del celebre jazz club milanese Blue Note. La sua musicalità immediata e diretta rapisce l’ascoltatore che si abbandona alla passione o alla malinconia che di volta in volta saranno in lui suscitate in una storia che, come lo stesso Anzovino suggerisce, non ha bisogno di parole per essere raccontata. Una serie di pezzi contemporanei ricavati su alcune tracce tematiche della stessa sinfonia. Uno spazio musicale dove il pianoforte duetta con una chitarra, un sax, un clarinetto, una fisarmonica, con l’idea che la musica non conosca confini: questo lo spirito di Igloo, il terzo album di Remo Anzovino.

Avvocato di Pordenone, classe 1976, si è reso celebre in ambito musicale operando nella musica per cinema, per il teatro e per la pubblicità, realizzando più di cinquanta produzione componendo le musiche cinema muto (più di trenta pellicole), colonne sonore originali e collaborando con prestigiose cineteche. Tra le numerose pellicole musicate si ricorda: “Metropolis” di Lang, “Nosferatu” e “Tabù” di Murnau, “The Cameraman” e “Navigator” di Buster Keaton, “Il gabinetto del dr. Caligari” di Wiene, “Diario di una donna perduta”, “I misteri di un’anima” di Pabst e “Il Circo” di Chaplin. La sua musica, affascinante ed evocativa come assai di rado capita di ascoltare, non è né difficile né austera, bensì immediata e diretta. Le sue composizioni rapiscono l’ascoltatore che può solo abbandonarsi alla passione o alla malinconia che di volta in volta viene in lui suscitata in una storia che, come lo stesso autore suggerisce, non ha bisogno di parole per essere raccontata.

BIGLIETTI INTERI: EURO 12

BIGLIETTI RIDOTTI*: EURO 10

*Soci Visioninmusica 2011, Soci Filarmonica Umbra 2011, under 21 e over 65.

Tutte le informazioni sul sito: WWW.VISIONINMUSICA.COM

Associazione Visioninmusica

via 1° Maggio, 40 – 05100 Terni

tel.: 0744 432714   fax: 0744 461510

@: info@visioninmusica.com

Leggi tutto...

Jazz Festival: Simona Bencini al Cittaslow in festival

Nuovo appuntamento per sabato 5 marzo con Cittaslow in festival, che questa volta approda a Todinella splendida Sala dell’Arengo, con il concerto di Simona Bencini & L.M.G. Quartet. Un’edizione, quella del 2011, che continua la collaborazione iniziata lo scorso anno con la città di Todi e la condotta Slow Food di Todi e Orvieto con una novità. Per quest’edizione, infatti,  è prevista l’estensione della manifestazione  dalle Cittaslow dell’Umbria ad alcune qualificate città di altre regioni: in questo caso la Cittaslow ospite sarà Sangemini. E proprio in questa splendida location Simona Bencini presenterà il suo nuovo lavoro “Spreading Love“, un disco fatto di arrangiamenti eclettici, mai scontati, composto e arrangiato da una nuova formazione che, con gran gusto, maestria, tecnica e capacità improvvisative riesce a coniugare la cultura jazz più tradizionale con le sonorità più moderne della world music. Filo conduttore è la voce soul, calda ed elegante, di Simona Bencini, voce storica della band Dirotta su Cuba, che senza mai eccedere, lega con naturalezza ed armonia mondi musicali diversi. Il gruppo è composto da Mario Rosini, al piano, da Mimmo Campanale alla batteria, Giuseppe Bassi al contrabbasso, e da Gaetano Partipilo al sax. Ecco gli ingredienti di questo nuovo progetto all’interno del quale troviamo standard celebri (come “The man I love” o  “You dont know what love is”) che sorprendono l’orecchio dell’ascoltatore  con un sapore tutto nuovo.

Cittaslow ospite: Sangemini (Tr) ,Chef: Vanda Ricciarelli. Questo il menu presentato: Antipasto: Antipasto tipico umbro (affettati locali, bruschette, fagioli all’uccelletto). Primo piatto: Ciriole alla Terzana. Secondo piatto: Bocconcini alla cacciatora con verdura ripassata. Dessert: Zuppa inglese. Vini dei Tenimenti dei Marchesi Fezia e dell’Azienda agricola Tacconi.

Info e prenotazioni:

0763 343302

www.cittaslowinfestival.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.cramst.it Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Tutte le cene sono con servizio al tavolo con inizio puntuale alle ore 20.30 cui seguirà il concerto del gruppo previsto dalle ore 22.30. I menù saranno costituiti da: antipasto, primo piatto, secondo piatto, contorno, dessert, caffè , vini ed acqua minerale. Costo a persona cena e concerto  40 euro. Per chi prenota almeno 5 serate, per i soci slow food  e soci fisar il prezzo è di € 35,00

Possibilità di soggiorno direttamente presso il country resort and restaurant laPenisola. Prezzo per persona in camera doppia: un concerto (comprensivo di cena) e un pernottamento (con prima colazione) a partire da 80  euro. Supplemento per camera doppia uso singola  20 euro. Ogni giorno in più con sistemazione in mezza pensione, a partire da 58 euro.

Leggi tutto...

Jazz Festival: torna la rassegna “COSE”, quarta edizione

Dopo il successo della passata stagione, torna COSE l’appuntamento settimanale più irriverente e abrasivo della capitale con i suoi eventi unici e coinvolgenti che prenderanno vita dal 3 marzo al 12 maggio 2011 tutti i giovedì dalle ore 21,30 presso Sala Mangiatoiala (sala concerti della Scuola Popolare di Musica di Testaccio di Roma). “COSE” conferma la sua vocazione multidisciplinare, ponendosi come punto di snodo e di riferimento della scena musicale più “avventurosa” e contaminata da altre discipline. Il progetto, arrivato alla quarta edizione, riesce a coniugare una proposta di assoluta eccellenza artistica con una politica di contenimento dei prezzi, e questo può accadere grazie, non ad un intervento ed un  sostegno istituzionale, bensì grazie al sostegno di quattro strutture romane indipendenti: Associazione Controchiave, Live Sound Development, Scuola Popolare Di Musica Di Testaccio, Centro di cultura sperimentale Rialto attive da anni nella città che, nonostante la chiusura di uno di questi spazi (il Rialtosantambrogio) e la mancanza di qualsiasi forma di finanziamento, decidono di stipulare un mutuo bancario per autofinanziare la rassegna, che viene ospitata, per la seconda volta, negli spazi della Scuola Popolare di Musica di Testaccio. Ed ovviamente,  grazie anche  alla partecipazione di tutto quel pubblico che ha animato le precedenti edizioni.

Si parte il 3 Marzo, viaggiando tra la Sardegna e l’Argentina trasportati dal duo Bebo Ferra e Javier Girotto, due fra i più grandi nomi del jazz italiano, che in esclusiva per “COSE” presenteranno il loro nuovissimo lavoro discografico “KALEIDOSOPIC ARABESQUE”. Il 10 Marzo i suoni incontreranno il movimento grazie alle due compagnie di danza finaliste dell’ultima edizione di MARTELive, mentre nei giovedì successivi, si susseguiranno, tre generazioni di jazz italiano e internazionale, con tre appuntamenti nel segno della musica creativa, della scena dell’improvvisazione radicale, dell’altro jazz: il 17 Marzo con il duo visionario di Greg Burk e Bob Moses e il loro ultimo lavoro “Ecstatic Weanderings“, il 24 Marzo col brillante e sorprendente trio italiano di tre grandi come Sandro Satta, Roberto Bellatalla e Fabrizio Spera; il 7 Aprile con le ipnotiche atmosfere dell’inedito trio diEivind Aarset, Michele Rabbia, Stefano Battaglia. Il 14 Aprile sarà la volta dell’ultimo lavoro di una giovanissima talentuosa del jazz italiano Luisiana Lorusso con il suo “UPWARDS” accompagnata da Gaetano Partipilo, Claudio Filippini, Francesco Ponticelli e Fabio Accardi. Il 21 Aprile è di scena “LA BELLEZZA NON HA FORMA” l’originale, stravagante e poetica dell’action painting di Cinzia Fiaschi insieme alla voce di Diana Torti e al pianoforte di Alessandro Giachero. Per finire, due straordinari quartetti di casa nostra,  il Leaf Branch’s Project di Tocilj-Frasca il 5 Maggio, e il Deep Combo di Claudio Corvini di scena il 12 Maggio.

Concerti ogni giovedì (dal 3 marzo al 12 maggio 2011)

Ex Mattatoio Area MACRO Future – Piazza Giustiniani 4/A Testaccio, Roma

Ore 21:00, ingresso 10 €

INFOLINE: www.lsdproduzioni.eu

Leggi tutto...

Jazz Festival: Crossroads, jazz e altro in Emilia Romagna, 12° edizione

foto di Andrea Boccalini

Si estenderà fino al 29 maggio, la programmazione della dodicesima edizione di Crossroads, il festival itinerante, organizzato Jazz Network in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura della Regione Emilia-Romagna e numerose altre istituzioni, che porterà su tutto il territorio dell’Emilia-Romagna i nomi più noti e le novità più interessanti del jazz e delle musiche affini. Una rassegna che comprende una trentina di concerti e che è cominciata in grande stile il 25 febbraio con il concerto diEnrico Rava e Danilo Rea al Teatro De Andrè di Casagrande. E saranno numerosi gli appuntamenti da non perdere nei mesi successivi. Si spazia dal quartetto del batterista Al Foster, colonna portante di alcune fenomenali formazioni di Miles Davis, all’esuberante Brass Ecstasy del trombettista Dave Douglas, un gruppo tutto ottoni e batteria. L’8 maggio, invece, arriveranno i rigogliosi ritmi afro-latini del sassofonista Chico Freeman e i suoi Guataca, con la presenza straordinaria del trombettista cubano par excellenceArturo Sandoval. Di sublime poeticità si preannuncia anche il progetto “Mistico Mediterraneo” di Paolo Fresu e il bandoneonista Daniele di Bonaventura assieme al coro A Filetta, fresco di incisione discografica per la ECM. Inoltre nella programmazione a largo raggio della rassegna saranno compresi grandi maestri che hanno fatto la storia della musica afroamericana, come il trombonista Curtis Fuller, e artisti che hanno orientato le sorti moderne della musica improvvisata, come il pianista Uri Caine.

foto di Elio Guidi

A Crossroads 2011 andranno in scena anche alcune produzioni originali, a conferma della forza propositiva del festival: l’Adriatics Orchestra del sassofonista Daniele D’Agaro, ai cui funambolici musicisti (Han Bennink, Sean Bergin, Mauro Ottolini…) si aggiungerà la prestigiosa tromba di Paolo Fresu; ma ci sarà anche l’inedito New Project di un batterista di culto come Jim Black. In più anche quest’anno verrà dedicato ampio spazi alle migliori espressioni del jazz italiano, con artisti appartenenti a diverse generazioni e stili. In questa rassegna, infatti, si avrà la possibilità di ascoltare la prima esibizione del quartetto di Franco D’Andrea con il trombettista Dave Douglas, mentre le giovani forze del jazz italiano saranno rappresentate dalla cantante Chiara Civello, che ha ormai conquistato la scena statunitense col suo personale cantautorato jazz; dal  sassofonista Francesco Bearzatti, che presenterà il suo “X (Suite for Malcolm)”, fresco della vittoria del Top Jazz come migliore progetto discografico del 2010; dalla coinvolgente comunicativa del duo formato dalla tromba di Fabrizio Bossoe la chitarra del maestro brasiliano Irio De Paula. In una sola serata si potranno poi ascoltare contemporaneamente due prodigiosi giovani sassofonisti italiani, entrambi appena ventenni: Francesco Cafiso, in duo con Dino Rubino, e Mattia Cigalini, con un quintetto comprendente Tullio De Piscopo.

Nel mese di marzo figurano anche il “Tributo a Django Reinhardt” del quintetto Manomanouche; il chitarrista Stefano Savini col suo Equartet; una serata dai profumi brasiliani con il duo formato da Guinga e Barbara Casini; la potenza della tromba di Jeremy Pelt, in quintetto; la seducente vocalist Cheryl Porter; due serate assai ricercate al Cassero Teatro Comunale di Castel San Pietro Terme, con lo storico duo che affianca il pianista Keith Tippett e il batterista Louis Moholo, preceduto da un piano solo di Federico Squassabia, e il ritorno di una celebre formazione del jazz italiano più avanzato, il New Nexus Group del sassofonista Daniele Cavallanti e del batterista Tiziano Tononi; i Kneebody, gruppo cult della nuova scena statunitense; il rinnovato gruppo “made in the USA” del trombettista Franco Ambrosetti, nel quale spicca la presenza della pianista Geri Allen.

foto di Jane Shirek

Altri appuntamenti imperdibili sono attesi nei mesi di aprile e maggio: la superlativa tromba di Nicholas Payton, impegnato col suo Sexxxtet in un moderno omaggio a Louis Armstrong ed Ella Fitzgerald; il suadente sax di Scott Hamilton; due giorni di musica a Dozza, con un solo pomeridiano del contrabbassista Roberto Bartoli e due appuntamenti serali al Teatro Comunale, con il Bassoprofilo Trio, vera all-star nazionale che riunisce Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi e Simone Zanchini, e una performance in solo del fisarmonicista Simone Zanchini;il quartetto del bassista Michael Formanek, forte della presenza del sax di Tim Berne; il pirotecnico trombettista Steven Bernstein con i suoi Sex Mob. Ecco il programma definitivo

Venerdì 25 febbraio

Casalgrande (RE), Teatro Fabrizio De André, ore 21:15

ENRICO RAVA & DANILO REA DUO

Enrico Rava – tromba, flicorno; Danilo Rea – pianoforte

Venerdì 4 marzo

Cesenatico (FC), Teatro Comunale, ore 21:00

MANOMANOUCHE QUINTET

Tribute to Django Reinhardt

Diego Borotti – sassofoni; Massimo Pitzianti – fisarmonica, bandoneon; Nunzio Barbieri – chitarra acustica; Luca Enipeo – chitarra acustica; Pierre Steeve Jino Touche – contrabbasso

Martedì 8 marzo

Massa Lombarda (RA), Sala del Carmine, ore 21:00

STEFANO SAVINI & EQUARTET

Stefano Savini – chitarre, composizione;

Gian Maria Matteucci – clarinetto, clarinetto basso e piccolo; Guido Facchini – pianoforte; Stefano Ricci – contrabbasso, basso el.; Mauro Gazzoni – batteria

Mercoledì 9 marzo

Rimini, Teatro degli Atti, ore 21:15

FRANCO D’ANDREA QUARTET + special guest DAVE DOUGLAS

Franco D’Andrea – pianoforte; Dave Douglas – tromba; Andrea “Ayace” Ayassot – sax alto;  Aldo Mella – contrabbasso; Zeno de Rossi – batteria

prima assoluta

Giovedì 10 marzo

Solarolo (RA), Sala Polivalente – Residenze “Primo Vanni”, ore 21:00

GUINGA & BARBARA CASINI

voci & chitarre

Sabato 12 marzo

Ferrara, Jazz Club Ferrara, ore 21:30

JEREMY PELT QUINTET

“Men Of Honor”

Jeremy Pelt – tromba; J.D. Allen – sax tenore; Danny Grissett – pianoforte; Dwayne Burno – contrabbasso; Gerald Cleaver – batteria

Venerdì 18 marzo

Massa Lombarda (RA), Sala del Carmine, ore 21:00

CHERYL PORTER JAZZ QUARTET

Cheryl Porter – voce; Paolo Vianello – pianoforte, tastiere; Guido Torelli – contrabbasso; Gianni Bertoncini – batteria

Sabato 19 marzo

Castel San Pietro Terme (BO), Cassero Teatro Comunale, ore 21:15

“Cassero Jazz”

FEDERICO SQUASSABIA SOLO

Federico Squassabia – pianoforte

KEITH TIPPETT & LOUIS MOHOLO DUO

Keith Tippett – pianoforte, direzione; Louis Moholo – batteria

Domenica 20 marzo

Castel San Pietro Terme (BO), Cassero Teatro Comunale, ore 21:15

“Cassero Jazz”

NEW NEXUS GROUP

Daniele Cavallanti – sax tenore, sax baritono; Achille Succi – sax alto, clarinetti; Emanuele Parrini – violino; Giovanni Maier – contrabbasso; Tiziano Tononi – batteria

Lunedì 21 marzo

Modena, La Tenda, ore 21:30

KNEEBODY

“You Can Have Your Moment” Tour

Adam Benjamin – Fender Rhodes, effetti; Shane Endsley – tromba, effetti; Kaveh Rastegar – basso elettrico, effetti; Ben Wendel – sax tenore, melodica, effetti; Nate Wood – batteria

Martedì 22 marzo

Vignola (MO), Teatro Ermanno Fabbri, ore 21:00

FRANCO AMBROSETTI SEXTET featuring GERI ALLEN

Franco Ambrosetti – tromba; Geri Allen – pianoforte; Abraham Burton – sax tenore; Gianluca Ambrosetti – sax soprano; Heiri Kaenzig – contrabbasso; Nasheet Waits – batteria

Sabato 26 marzo

Ferrara, Jazz Club Ferrara, ore 21:30

CURTIS FULLER SEXTET

Curtis Fuller – trombone; Jim Rotondi – tromba; Piero Odorici – sax tenore; Nico Menci – pianoforte; Aldo Zunino – contrabbasso; Joe Farnsworth – batteria

Martedì 29 marzo: ore 10-13, ore 15-17

Mercoledì 30 marzo: ore 10-13, pomeriggio: prove aperte

Ravenna, Ridotto del Teatro Alighieri

“Mister Jazz”

WORKSHOP di BATTERIA con AL FOSTER

Mercoledì 30 marzo

Ravenna, Teatro Alighieri, ore 21:00

AL FOSTER QUARTET

Eli Degibri – sax tenore; Adam Birnbaum – pianoforte; Doug Weiss – contrabbasso; Al Foster – batteria

Giovedì 31 marzo

Longiano (FC), Teatro Petrella, ore 21:00

CHIARA CIVELLO

Chiara Civello – voce, pianoforte, chitarre; Nicola Costa – chitarre; Marco Siniscalco – basso elettrico; Fabrizio Fratepietro – batteria

Sabato 2 aprile

Piacenza, Conservatorio “G. Nicolini”, ore 21:15

“Piacenza Jazz Fest”

DAVE DOUGLAS & BRASS ECSTASY

Dave Douglas – tromba; Vincent Chancey – corno francese; Luis Bonilla – trombone; Marcus Rojas – tuba; Nasheet Waits – batteria

Domenica 3 aprile

Imola (BO), Teatro dell’Osservanza, ore 21:15

THE NICHOLAS PAYTON SEXXXTET

Louis Armstrong and Ella Fitzgerald Reimagination

Nicholas Payton – tromba, voce; Johnaye Kendrick – voce; Lawrence Fields – pianoforte, tastiere; Vicente Archer – contrabbasso; Marcus Gilmore – batteria; Daniel Sadownick – percussioni

Giovedì 7 aprile

Vignola (MO), Sala dei Contrari – Rocca di Vignola, ore 21:00

SCOTT HAMILTON QUARTET

Scott Hamilton – sax tenore; Sandro Gibellini – chitarra; Aldo Zunino – contrabbasso; Alfred Kramer – batteria

Sabato 9 aprile

Dozza (BO)

“Dozza Jazz”

Enoteca Regionale dell’Emilia-Romagna, ore 18:00

ROBERTO BARTOLI SOLO

“Il suonatore Jones”

un contrabbasso per Fabrizio De André

Teatro Comunale, ore 21:00

BASSOPROFILO TRIO

feat. Giovanni Tommaso, Gabriele Mirabassi, Simone Zanchini

Gabriele Mirabassi – clarinetto; Simone Zanchini – fisarmonica; Giovanni Tommaso – contrabbasso

Domenica 10 aprile

Dozza (BO), Teatro Comunale, ore 21:00

“Dozza Jazz”

SIMONE ZANCHINI

“Better Alone”

Simone Zanchini – fisarmonica acustica, fisarmonica midi, live electronics

Giovedì 14 aprile

Rimini, Teatro degli Atti, ore 21:15

FRANCESCO BEARZATTI TINISSIMA QUARTET

plays “X (Suite for Malcolm)”

Francesco Bearzatti – sax tenore, clarinetto; Giovanni Falzone – tromba, effetti; Danilo Gallo – contrabbasso; Zeno de Rossi – batteria

Musiche di Francesco Bearzatti

Progetto video a cura di Antonio Vanni – Disegni di Francesco Chiacchio

Venerdì 15 aprile

Bologna, Teatro San Martino, ore 21:15

MICHAEL FORMANEK QUARTET

“The Rub and Spare Change”

Tim Berne – sax alto; Craig Taborn – pianoforte; Michael Formanek – contrabbasso; Gerald Cleaver – batteria

Sabato 30 aprile

Longiano (FC), Teatro Petrella, ore 21:00

FABRIZIO BOSSO & IRIO DE PAULA DUO

Fabrizio Bosso – tromba; Irio De Paula – chitarra

Giovedì 5 maggio

Imola (BO), Teatro dell’Osservanza, ore 21:15

DANIELE D’AGARO ADRIATICS ORCHESTRA meets PAOLO FRESU

Daniele D’Agaro – sax tenore, clarinetto, direzione; Paolo Fresu – tromba, flicorno;

Sean Bergin – sax soprano, sax tenore, flauti, fisarmonica diatonica; Tobias Delius – sax tenore, clarinetto; Davide Ghidoni – tromba, flicorno; Mauro Ottolini – trombone, tuba; Saverio Tasca – vibrafono, marimba; Bruno Marini – organo Hammond, clarinetto basso, sax baritono; Stefano Senni – contrabbasso; Han Bennink – batteria

produzione originale

Sabato 7 maggio

Santarcangelo (RN), Teatro Supercinema, ore 21:15

“Santarcangelo in Jazz”

URI CAINE

“Solitaire”

Uri Caine – pianoforte

in collaborazione con Rosalba Di Raimondo Artist Management

Domenica 8 maggio

Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00

“Correggio Jazz”

CHICO FREEMAN Y GUATACA featuring ARTURO SANDOVAL

Arturo Sandoval – tromba; Chico Freeman – sax tenore, sax soprano, voce; Ivan Bridon – pianoforte; Felipe Cabrera – basso; Pibo Marquez – percussioni, voce; Françis Arnaud – batteria

Domenica 15 maggio

Russi (RA), Teatro Comunale, ore 21:00

Paolo Fresu, Daniele di Bonaventura & coro A FILETTA

in “Mistico Mediterraneo”

Paolo Fresu – tromba, flicorno, effetti; Daniele di Bonaventura – bandoneon;

“A Filetta”:

Jean-Claude Acquaviva (seconda), Paul Giansily (terza), Jean-Luc Geronimi (seconda), José Filippi (bassu), Jean Sicurani (bassu), Maxime Vuillamier (bassu), Ceccè Acquaviva (bassu)

Venerdì 20 maggio

Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00

“Correggio Jazz”

FRANCESCO CAFISO & DINO RUBINO

“Travel Dialogues”

Francesco Cafiso – sax alto; Dino Rubino – pianoforte, tromba

MATTIA CIGALINI QUINTET feat. TULLIO DE PISCOPO & MARCO TAMBURINI

“Arriving Soon”

Mattia Cigalini – sax alto; Marco Tamburini – tromba; Andrea Pozza – pianoforte; Riccardo Fioravanti – contrabbasso; Tullio De Piscopo – batteria

Venerdì 27 maggio

Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00

“Correggio Jazz – Foligno Young Jazz”

STEVEN BERNSTEIN SEX MOB

Steven Bernstein – tromba, tromba a coulisse; Briggan Krauss – sax alto, sax baritono; Tony Scherr – contrabbasso; Kenny Wollesen – batteria, percussioni

Domenica 29 maggio

Correggio (RE), Teatro Asioli, ore 21:00

“Correggio Jazz – Foligno Young Jazz”

JIM BLACK New Project

Jim Black – direzione, batteria; Francesco Bigoni – sax tenore; Simone Zanchini – fisarmonica; Francesco Diodati – chitarra; Alfonso Santimone – Fender Rhodes, live electronics; Joe Rehmer – contrabbasso

Leggi tutto...

Visioninmusica 2011, settima edizione

Giunto ormai alla settimana edizione,Visioninmusica, che si terrà dal 14 gennaio al 24 marzo all’Auditorium Gazzoli di Terni, proporrà anche quest’anno un cartellone assai ricco, con sei imperdibili appuntamenti e novità di primo piano del panorama musicale nazionale e internazionale. Il motivo ispiratore di questa stagione sarà la voce, protagonista di quasi tutti i concerti, e inserita, di volta in volta, in contesti musicali assai differenti. Due saranno gli eventi puramente strumentali, in cui a “cantare” saranno il sax, il bandoneón e il pianoforte. Vediamo insieme il programma:

Simona Molinari aprirà la stagione il 14 gennaio presentando dal vivo Croce e Delizia, suo secondo album, che secondo la rivista Class è tra i dieci migliori dischi italiani del 2010. Il suo curriculum recita: terzo posto nella sezione nuove proposte al festival di Sanremo 2009, due celebri duetti con Ornella Vanoni, quindicimila copie vendute di Egocentrica, tournée negli Stati Uniti, Canada e Asia, riconoscimenti artistici (Premio Mogol e Premio Lunezia).

Il 28 gennaio si esibirà Raphael Gualazzi,astro nascente della musica italiana, in vertiginosa ascesa. In sestetto con piano, contrabbasso, batteria, chitarra e tre ottoni, il giovane artista di Urbino coniuga con gusto e freschezza rag-time, soul e blues in uno swing impeccabile e travolgente di pezzi originali, che lo pongono nella scia di Fred Buscaglione e Paolo Conte.

Il 3 febbraio protagonisti saranno iGabin: Il motivo “Doo Uap, Doo Uap, Doo Uap” è probabilmente ancora nelle orecchie di tutti. Formato dai due produttori, Filippo Clary e Max Bottini, e dalla cantante americana Mia Cooper che da tre anni, oltre ad essere autrice di testi, presta la sua formidabile voce all’italianissimo duo, il gruppo dei Gabin ha scalato le classifiche di tutto il mondo e raggiunto una fama di livello internazionale. In esclusiva regionale per Visioninmusica sarà presentato il loro ultimo lavoro Third and double: sorprendente miscela di new jazz, soul, elettronica e funk. Per questa serata, che rappresenta un evento straordinario, assolutamente dinamico e coinvolgente, sarà inaugurata una nuova cornice di Visioninmusica, ilQueency Lounge Club, e una formula che comprenderà la possibilità di cenare all’interno del locale.

Il raffinato duo Javier Girotto (sax) e Gianni Iorio (piano e bandoneón) si esibirà il 25 febbraiosulle sensuali note del tango argentino. Il loro progetto s’intitola Escenas argentinas e ha già entusiasmato gli spettatori convenuti ai Musei capitolini per un eccezionale concerto in occasione de La Notte dei Musei di Roma. Se l’esperienza di Girotto con gli Aires tango propendeva chiaramente verso un’interpretazione in chiave jazz della musica di Buenos Aires, nel duo con Iorio è il rigore degli arrangiamenti di stampo classico a prevalere, a cui tuttavia si giustappongono essenziali spazi dedicati all’improvvisazione. Il repertorio è in parte legato a pezzi della tradizione (dal “El Choclo” di Villoldo a brani di Piazzolla) in parte originale, ovvero composto dai due artisti.

Un’altra esclusiva regionale è in programma l’11 marzo: Remo Anzovino proporrà dal vivo il suo ultimo albumIgloo, racconti in musica senza parole. Gino Castaldo, sulle pagine di Repubblica, l’ha definito “la nuova rivelazione della musica strumentale italiana” e in effetti la musica di Remo Anzovino è affascinante ed evocativa come assai di rado capita di ascoltare, tanto da conquistare senza riserva una platea esigente come quella del celebre jazz club milanese Blue Note.

Il finale della stagione, il 24 marzo, è affidato al favoloso gruppo vocale Voci di Corridoio supportato da un trio strumentale (pianoforte, contrabbasso e batteria). Si tratta di una formazione capace di rimanere sulla cresta dell’onda da più di tre lustri, fedele alla sua originalità. Nel loro concerto rivivono le magiche atmosfere musicali degli anni quaranta e cinquanta. La caratteristica peculiare del gruppo è quella di riproporre celebri pezzi di quel periodo, armonizzati a cinque voci e supportate da arrangiamenti strumentali espressamente composti. Oltre ad alcuni celebri brani del Dopoguerra (Pippo non lo sa, Conosci mia cugina?, Un bacio a mezzanotte), le Voci di Corridoio eseguono indimenticabili standard della musica jazz d’oltreoceano (Cheek to Cheek, Blue Moon, Chattanooga Choo Choo). Melodie morbide e avvolgenti si alternano allo swing più ritmato in uno show vivace e ricco di divertenti aneddoti sugli avvenimenti dell’epoca.

Tutti gli spettacoli, ad eccezione del concerto dei Gabin (ore 21,30), si svolgeranno all’Auditorium Gazzoli e inizieranno alle ore 21,00.

 

ABBONAMENTI E BIGLIETTI ONLINE: http://www.greenticket.it

ABBONAMENTO A 6 SPETTACOLI: EURO 60 (in vendita dal 10 dic. 2010 solo presso New Sinfony – Terni)

BIGLIETTI INTERI: EURO 12 (spettacoli all’Audit. Gazzoli) EURO 15 (spettacolo al Queency Lounge Club)

BIGLIETTI RIDOTTI*: EURO 10 (spettacoli all’Audit. Gazzoli) EURO 12 (spettacolo al Queency Lounge Club)

*Soci Visioninmusica 2011, Soci Filarmonica Umbra 2011, under 21 e over 65.

 

Tutte le informazioni sul sito: WWW.VISIONINMUSICA.COM

Leggi tutto...

Atina Jazz Winter 2011, seconda edizione

Dopo il successo della quindicesima edizione di Atina Jazz, si terrà dal 7 al 9 gennaio, tra Atina, Alvito e Cassino, la II edizione diAtina Jazz Winter, una manifestazione che lo scorso anno ha visto la partecipazione, in collaborazione con la ECM Records, di grandi artisti che si sono esibiti nella splendida cornice costituita dal Palazzo Ducale di Atina. Un’organizzazione che quest’anno verrà incentrata su un coinvolgimento maggiore del territorio e che ha già esordito lo scorso 29 dicembre con il concerto della pianista Rita Marcotulli presso il Carcere di Cassino. L’8 gennaio, invece, si esibirà presso il Teatro Comunale di Alvito, un piccolo gioiello architettonico della Valle di Comino, il Lokomotive Triocomposto da Tommaso Folchetti, Mario Mazzenga, Giulio Marcelli, insieme al giovane e talentuoso trombettista Luca Aquino.

Naturalmente il Palazzo Cantelmi di Atina sarà ancora protagonista con vari concerti previsti per il 7 e 9 gennaio (tra i quali menzioniamo Kerry Luthala Trio, Jambalaya e l’affascinante progetto dedicato a De Andrè del pianista Danilo Rea), ma sarà anche un centro adibito per incontri tematici, proiezioni e per la mostra fotografica sugli scatti più suggestivi del venticinquennale. Dunque, una seconda edizione che va in scena nel segno della continuità e che quest’anno, oltre a nuovi affascinanti progetti, vedrà l’apertura di nuove location, che avranno come teatro naturale gli ambienti più suggestivi della valle del Comino.

E se questo Festival, dopo soltanto due edizioni, comincia già ad acquistare un posto particolare nel panorama jazz e musicale italiano, il merito non va soltanto ad una musica che richiama un pubblico sempre maggiore, ma anche ad una formula che coniuga il turismo e la cultura musicale. Infatti, molto del successo della manifestazione si deve, oltre alla qualità del cartellone, anche alla suggestione dei luoghi: Atina, e per questa occasione anche Alvito, ci mettono l’architettura, l’ottima cucina, il buon vino e la serenità del buon vivere che ben si amalgamano con la musica che dalla mattina fino a tarda notte delizierà tutti quelli che avranno modo di partecipare alla manifestazione.

Tra le location che quest’anno verranno utilizzate per Atina Jazz Winter, ci sarà anche la splendidaCattedrale di S. Maria Assunta, situata nel centro storico del paese, dove nella mattinata del 9 gennaio prenderà vita un concerto Gospel con il Rising Sound Gospel Choir e che nel pomeriggio, alle ore 17.00, ospiterà la presentazione del libro del giornalista e critico musicale Adriano Mazzoletti: “Dallo swing agli anni ‘70”, a cura di Claudia Fayenz; a seguire, alle ore 19.00, il  concerto di piano solo di Danilo Rea. C’è da aggiungere, infine, che dopo ogni concerto o incontro tematico, seguirà un appuntamento enogastronomico con degustazioni dei vini e dei prodotti tipici della Ciociaria. Atina Jazz Winter ancora una volta si propone come laboratorio di incontri, suoni, sapori che si fonderanno per offrire al pubblico occasioni conviviali di qualità per il territorio.

Per info sul festival  e sulle prenotazioni dei concerti consultare il sito  www.atinajazz.com

Leggi tutto...

Programmi per il weekend?

Ormai siamo nel pieno della stagione, e l’appassionato di Jazz capitolino ogni weekend (non che la prima parte della settimana sia avara di proposte…) si trova di fronte a delle difficili scelte. Cosa propongono i nostri club preferiti questo fine settimana? Se avete voglia di una serata dal sapore classico, questa sera al28divino avrete l’occasione di gustarvi il progetto Women Next Door, con la voce diElisabetta Antonini che – coadiuvata da una band tutta al femminile (Gaia Possenti al pianoforte, Federica Michisanti al contrabbasso e Carmen Falato al sax – vi riporterà perun po’ nei gloriosi anni ’50, quando Anita O’Day, Billie Holiday, Ella Fitzgerald incidevano con le orchestre più prestigiose dischi e brani che sarebbero diventati leggendari. Il sabato torna sul palco di via Mirandola il Man Trio, del quale vi avevamo già tessuto le lodi qualche tempo fa. All’Alexanderplatz doppio appuntamento, il venerdì e il sabato, con il Rosario Giuliani Hammond Trio, mentre la domenica sarà la volta di un’altra voce femminile alle prese con i cari vecchi standard a stelle e strisce, la voce di Alice Ricciardi. Del tributo a Bill Evans curato dal maestro Enrico Pieranunzi alla Casa del Jazz vi abbiamo già parlato (sabato, invece, c’è l’armonica di Max de Aloe), come ci sembra piuttosto scontato invitarvi a dare un’occhiata al programma del Roma Jazz Festival dell’Auditorium, appena partito. Il Gregory’s, da parte sua, ci propone il consueto appuntamento del venerdì con il “re dello swing” Emanuele Urso. Se invece avete voglia di bebop, lo stesso giorno si esibirà sul palco del Charity il Chiara Viola 4tet. Il locale di Monti conclude la settimana con la consueta serata blues del sabato e l’altrettanto classico aperitivo jazz domenicale, questa volta a cura di Chiara Izzi. Se invece il vostro sabato notte prevede un giro a San Lorenzo, non possiamo che consigliarvi una sosta al Beba do Samba, per assistere allo show dell’Alter Clan. Per una serata romantica, infine, il Tramjazz può essere un’ottima opzione. Che dite? Avete l’imbarazzo della scelta? Allora è meglio che non consultiate la nostra Jazz Agenda, qua vi abbiamo segnalato solo gli eventi principali, quelli in programma sono almeno il doppio! A Jazz weekend to you all.

Ciccio Russo

Leggi tutto...

Roma Jazz Festival 2010: il calendario

Parte giovedì 11 novembre GEZZ: Generazione Jazz, la trentaquattresima edizione di Roma Jazz Festival, l’attesissima rassegna autunnale dell’Auditorium, che quest’anno si concentra sui giovani talenti, senza rinunciare, come ovvio, a nomi di richiamo come Bollani, Rava e Fresu. “Il progetto di quest’anno, dal titolo “Gezz” acronimo che sta per Generazione Jazz, muove proprio dalla consapevolezza che il jazz ha finito per rivestire un ruolo sempre più rilevante nel panorama artistico-culturale italiano, grazie all’affermazione di molti musicisti italiani sulla scena internazionale e alla scoperta di un numero crescente di giovani talenti – ci spiega il direttore artistico della manifestazione, Mario Ciampà – Il festival in questa edizione intende, dunque, presentare una panoramica della nuova scena jazzistica italiana, con lo specifico intento di promuovere degli spunti di riflessione sui valori estetici, le tendenze e i nuovi orizzonti della nascente generazione jazz,  che ha scelto questo genere musicale come veicolo di espressione artistica e stile di vita.  Infatti, come afferma Wyton Marsalis Il jazz non è solo musica. Va oltre, è filosofia, metafora di vita brillante e sorprendente che pone fuori dal conformismo di massa, che insegna ad essere libero ma anche ordinato e rigoroso, a guardare fuori dal proprio ambito confrontandoti con le varie culture del mondo. Un modo di vivere con “improvvisazione”,  essenza di questa musica, in maniera imprevedibile ed emozionante, con giocosità e curiosità dove tutto è precario e ogni momento irripetibile. Il jazz è espansività, che vuol dire vivere la vita con pienezza, sfidando romanticamente e temerariamente gli elementi, accelerando, fuggendo dalla ripetitività, un esempio reale di libertà creativa e di proiezione verso un futuro diverso”.

– Giovedì 11/11/2010 Sala Sinopoli ore 21
The Unknown Rebel Band 

 

– Venerdì 12/11/2010 Teatro Studio ore 21
Gabriele Coen Jewish Experience

– Sabato 13/11/2010 Teatro Studio ore 21
Alessandro Lanzoni Trio

– Sabato 13/11/2010 Sala Sinopoli ore 21
Chiara Civello

– Domenica 14/11/2010 Teatro Studio ore 18
Daniele Tittarelli Quartetto

– Domenica 14/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Esperanza Spalding
“Chamber Music Society”

– Lunedì 15/11/2010 Teatro Studio ore 21
Headless Cat
Francesco Bigoni, Antonio Borghini, Federico Scettri

– Martedì 16/11/2010 Sala Sinopoli ore 21
Gianluca Petrella Cosmic Band

– Mercoledì 17/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Portal, Sclavis, Marguet, Texier, Le Querrec
“L’œil de l’elephant”

– Giovedì 18/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Mauro Ottolini
“Sousaphonix”

– Sabato 20/11/2010 Teatro Studio ore 21
Tigran Hamasyan

– Sabato 20/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Maria Pia De Vito
“Mind the Gap”

– Domenica 21/11/2010 Teatro Studio ore 18
Jazz Migration

– Martedì 23/11/2010 Sala Petrassi ore 20
Francesco Bearzatti Tinissima 4et
“X (Suite for Malcolm)”

– Mercoledì 24/11/2010 Sala Santa Cecilia ore 21
Stefano Bollani Danish Trio
“Stone in the water”

– Giovedì 25/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Fabrizio Bosso Quartetto

– Venerdì 26/11/2010 Sala Sinopoli ore 21
Enrico Rava PMJL Parco della Musica Jazz Lab
“Rava songs”

– Sabato 27/11/2010 Sala Petrassi ore 21
Francesco Cafiso “4out”

– Martedì 30/11/2010 Sala Sinopoli ore 21
Barocco in Pispisi Part 1 (Intorno alla musica di Barbara Strozzi)
Paolo Fresu, Uri Caine, Alborada String Quartet

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS